LE RISERVE NATURALI E I CENTRI PARCO

Il Mincio, nel suo dolce scorrere verso il Po, dà vita, fra le località di Rivalta, Grazie di Cullatone e Mantova, alla Riserva Naturale Valli del Mincio, dove il fiume si impaluda creando una delle principali zone umide dell’Italia settentrionale cosparsa da un’ampia distesa di canne, carici e, nel periodo estivo, di fiori di loto. L’area fa parte del progetto EDEN 2009.

Sulla sponda destra del lago Inferiore ha inizio la Riserva Naturale della Vallazza. Si tratta di un vasto complesso di zone umide di grande pregio naturalistico in quanto testimonia, in stadi differenziati, la spontanea evoluzione delle anse fluviali. Questi paesaggi, d’incantevole bellezza, sono un labirinto di canali e piccoli specchi d’acqua dove affiorano ninfee, nannuferi, ibischi di palude e castagne d'acqua.
Accanto alla sorprendente vegetazione, ricca è la presenza della fauna tipica della palude: aíroní, folaghe, garzette, cannaiole, sgarze ciuffetto, nibbi, germani reali, cigni e molte altre specie rare. A pochi chilometri dalla città si trova la Riserva Statale Bosco Fontana, ciò che resta delle antiche foreste che alcuni millenni fa ricoprivano la Pianura Padana.
Al centro del bosco, che propone un'eccezionale varietà di piante, sorge un'elegante palazzina di fine Cinquecento, fatta erigere da Vincenzo I Gonzaga, quando la foresta era una riserva di caccia della famiglia.

Nel Comune di Goito, il Centro Parco Bertone, centro visita del Parco del Mincio, con i suoi suggestivi scorci e il minuscolo lago, crea l'atmosfera giusta per una piacevole passeggiata nel verde. Si tratta di un parco giardino in cui ammirare alberi esotici ed autoctoni, alcuni dei quali raggiungono 150 anni di età. Dal 1994 è un centro per la reintroduzione della cicogna bianca.

Nel cuore delle Valli del Mincio si trova il Centro Parco di Rivolta, dove è possibile visitare il Museo Etnografico dei Mestieri del Fiume. Il museo documenta l'interdipendenza e l'equilibrio tra la vita dell'uomo e della palude e conserva le testimonianze dei mestieri della valle.

Vuoi essere il primo a saperlo?

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi le anteprime delle offerte
Oppure
Seguici su